CRIL - Centro Ricerche Imballaggi Legno e Logistica

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Definizione e classificazione

E-mail Stampa PDF

Definizione di pallet

Il pallet è una piattaforma sulla quale viene posta la merce che solitamente è costituita da una serie di scatole o di colli di spedizione opportunamente allineati e/o sovrapposti.

La norma EN-ISO 445 definisce il pallet per la movimentazione e il trasporto delle merci nel modo seguente:

"piattaforma rigida orizzontale, caratterizzata da un'altezza minima compatibile con la movimentazione tramite carrelli elevatori con forche e altre attrezzature di movimentazione appropriate, impiegati come supporto per la raccolta, l'immagazzinamento, la movimentazione ed il trasporto di merci e di carichi."

Pallet di legno 

Il pallet come piattaforma per la movimentazione, lo stoccaggio, il trasporto e la distribuzione delle merci si presta per rispondere ad una moltitudine di esigenze che possono venire soddisfatte con soluzioni ricavate da materiali diversi.

Cosi oggi si può disporre di una varietà di pallet che possono essere costruiti con: tavole di legni diversi, agglomerato di particelle di legno pressate, pannello compensato, cartone ondulato, materie plastiche, acciaio ed anche alluminio.

 

Classificazione dei pallet

Esiste una grande varietà di pallet piatti:

  • pallet ad un piano e a due piani;
  • pallet reversibili e non reversibili;
  • pallet a due e quattro vie;
  • pallet a travetti incavati;
  • pallet con piano inferiore a perimetro;
  • pallet multiuso o a rendere;
  • pallet monouso o a perdere;
  • altri...


In funzione dei materiali impiegati si distinguono cinque tipologie di pallet:

  • pallet in legno;
  • pallet in agglomerato di particelle di legno incollate e pressate;
  • pallet in plastica;
  • pallet in metallo;
  • pallet in cartone.

 

Affermazione del pallet

L’importanza del pallet nel sistema della logistica è fondamentale. Il pallet, infatti, è lo strumento che ha permesso l’affermazione del concetto di unità di carico e che ha promosso una vera e propria rivoluzione nella movimentazione, nello stoccaggio e nel trasporto delle merci in ogni settore di attività. Oggi il pallet è diventato il primo supporto della logistica.E’ stato scritto che, per la logistica,  l’importanza dell’invenzione del pallet, avvenuta negli Stati Uniti d’America durante la seconda guerra mondiale intorno agli anni ’40, è paragonabile all’importanza, per l’industria manifatturiera, dell’invenzione della  macchina a vapore, avvenuta nella seconda metà del ‘700.

In Europa, il pallet di legno è stato riconosciuto a pieno titolo, come strumento funzionale per la movimentazione ed il trasporto delle merci, a partire dal 1946 quando venne costituita la FEFPEB ossia la Federazione Europea dei Fabbricanti di Pallet di Imballaggi in Legno.

Dal canto suo, l’industria Italiana dei pallet in legno ha preso avvio a partire dalla seconda metà degli anni ’60, in concomitanza con il  periodo del “boom economico Italiano”. Nei primi anni ’70 la produzione di pallet in legno valeva già oltre dieci milioni di unità, mentre andava consolidandosi una struttura produttiva sempre più moderna.  Negli anni ’80 e ’90 la fabbricazione dei pallet in legno è diventata una vera e propria industria articolata in numerose unità produttive dislocate in tutte le regioni.

Oggi l’Italia, come produttore di pallet in legno, si trova ai primi posti in Europa con una produzione stimata di circa 70 milioni di unità/anno, subito dopo la Germania e la Francia.

Mentre nel mondo, considerando solamente le regioni del Nord America, dell’Unione Europea e del Giappone, si stima che la produzione annuale di pallet superi il miliardo di unità: di questi pallet, almeno l’90% vengono fabbricati con materiali di legno. 

Parallelamente è cresciuta l’esigenza di standardizzazione dei pallet, che ha portato all’affermazione in Europa del pallet con dimensioni 800x1200 mm. Questo  pallet  è stato adottato anche dalle Ferrovie Europee che, dopo averne  definite le caratteristiche costruttive e le prestazioni  attraverso un rigoroso capitolato (UIC 435-2), hanno costituito negli anni ’90  il marchio EPAL per il   libero scambio di questo pallet a rendere, sia   in Europa che nel mondo intero.

Questo pallet, con le stesse caratteristiche e misure di quello Epal, è diventato standard europeo attraverso la norma  EN 13698  approvata nell’anno 2003. -“ Pallet  constranction specification for 800X1200 mm flat wooden pallets”

Sempre negli anni  ’90 l’industria chimica europea ha deciso di utilizzare un sistema di nove pallet standardizzati, denominati “pallet CP” (Chemical Pallet), in sostituzione di centinaia e centinaia di pallet diversi in uso nell’industria chimica.

A partire dai primi anni 2000 il pallet in legno ha incontrato un periodo di forte evoluzione attraverso:

  • l’affermazione del sistema  EPAL , come pallet di scambio 800x1200 mm adottato dalle grandi marche di beni di consumo e dalle catene di distribuzione  dell’intera Unione Europea;
  • lo sviluppo  del sistema di noleggio dei pallet e/o di gestione dei parchi pallet in forza delle strategie di outsourcing adottate dalle aziende utilizzatrici di palleti;
  • poi il  forte sviluppo della riparazione dei pallet  trascinata sia dalla diffusione dell’interscambio di  pallet standardizzati,  sia dall’affermazione del pallet a noleggio, sia  dal riutilizzo dei pallet usati per esigenze di contenimento dei costi;
  • ed infine la sempre maggiore specializzazione nell’impiego dei pallet che ha datao spazio in varie nicchie di impiego all’uso di pallet diversi dal legno come quelli di plastica, di metallo e di cartone.